Sebastiào Salgado: Genesi

Sebastiao Salgado è un fotografo brasiliano, considerato dalla critica come uno dei fotografi documentaristi più importanti della storia recente. Dopo gli studi universitari ha iniziato ad affrontare diversi viaggi itineranti per i continenti, analizzando e riprendendo situazioni di vita sociale complicate, riportandole nelle sue esposizioni.

L’ultimo progetto ideato da Salgado si chiama Genesi. Genesi è stato un percorso fotografico effettuato nei cinque continenti, documentando (tramite l’acqua, l’aria, la terra, il fuoco, gli animali e le tribù)  il mondo della purezza e dell’innocenza degli ambienti non ancora contaminati dall’uomo, dimostrando che un equilibrio ambientale c’è ancora e che il nostro compito sarebbe quello di tutelarlo.

                                                                                                                                                                                                             pic. Gabriele Potente

‘Genesi è la ricerca del mondo delle origini, come ha preso forma, si è evoluto, è esistito per millenni prima che la vita moderna accelerasse i propri ritmi e iniziasse ad allontanarci dall’essenza della nostra natura. E’ un viaggio attraverso paesaggi terrestri e marini, alla scoperta di popolazioni e animali scampati all’abbraccio del mondo contemporaneo. La prova che il nostro pianeta include tuttora vaste regioni remote, dove la natura regna nel silenzio della sua magnificenza immacolata; autentiche meraviglie nei Poli, nelle foreste pluviali tropicali, nella vastità delle savane e nei deserti roventi, tra montagne coperte da ghiacciai e nelle isole solitarie. Regioni troppo fredde o aride per qualsiasi cosa salvo per le forme di vita più resistenti, aree che ospitano specie animali e antiche tribù la cui sopravvivenza si fonda proprio sull’isolamento. Fotografie, quelle di Genesi, che aspirano a rivelare tale incanto; un tributo visivo ad un pianeta fragile che tutti abbiamo il dovere di proteggere’ L.W.Salgado

 

                                                                                                                                                                                                             pic. Gabriele Potente

SEZIONE 1) PLANET SOUTH

La scoperta del più freddo dei 5 continenti, l’Antartide.

L’unico periodo possibile per visitarlo è stato quello estivo. Un viaggio alla scoperta di Iceberg, isole (Falkland), montagne, animali e splendidi paesaggi.

                                                                                                                                                                                                             pic. Gabriele Potente

SEZIONE 2) SANTUARI

                                                                                                                                                                                                             pic. Gabriele Potente

Una sezione relativa alla flora e alla fauna mondiale, dalle isole ‘incantante’ Galapagos alle montagne della Papua occidentale, fino ad arrivare al Madagascar.

Una particolare attenzione è stata fatta sulle tribù africane e sudamericane, analizzando le loro caratteristiche principali ed i rapporti con il mondo circostante.

SEZIONE 3) AFRICA

                                                                                                                                                                                                              pic. Gabriele Potente

L’unione di tutte le fotografie scattate nel continente africano. Mettendo a confronto gli ecosistemi differenti osservati durante il tempo di permanenza impiegato nel ‘continente nero’.

Oasi stupefacenti, l’avvicinamento agli animali della Savana, semplicemente l’eterna e maestosa Africa.

SEZIONE 4) LE TERRE DEL NORD

                                                                                                                                                                                                             pic. Gabriele Potente

Una raccolta di momenti passati tra Artide, Europa ed America Settentrionale.

Dalla magia dei parchi settentrionali degli U.S.A, dal Colorado allo Utah, allo spettacolo offerto dai 160 vulcani esplorati nel Kamchatka, di cui 29 risultano essere ancora attivi.

SEZIONE 5) AMAZZONIA AND PANTANAL

                                                                                                                                                                                                              pic. Gabriele Potente

Il Polmone verde del mondo, dove l’urbanizzazione ancora non ha preso piede con forza.

Un viaggio dal Rio delle Amazzoni alle cascate di Ichun-Prarara nel cuore della foresta amazzonica venezuelana, osservando per mesi tribù specifiche ed esplorando in barca i vari fiumi sudamericani riprendendone gli spettacoli naturalistici.

                                                                                                                                                                                                              pic. Gabriele Potente

Il Pantanal è una delle più grandi zone umide del mondo, che occupa una vasta area del Brasile occidentale e si estende fino al Paraguay ed alla Bolivia, ospita 10 milioni di caimani jacarè.

 

Il pensiero di Sebastiao Salgado

‘Oltre ad esporre le meraviglie della natura, Genesi è anche una chiamata alle armi. Non possiamo continuare ad inquinare terreni, acqua e aria. Dobbiamo agire adesso per preservare le terre ed i mari incontaminati, per proteggere i santuari naturali di animali e antichi popoli. E possiamo spingerci oltre, cercando di riparare ai danni che abbiamo causato.’

                                                                                                                                                                                                              pic. Gabriele Potente

‘Il nostro modesto contributo è stato quello di riforestare una proprietà nel sud-est del Brasile. Nei passati 15 anni, la nostra organizzazione no-profit, Instituto Terra, ha piantato circa due milioni di alberi di oltre 300 specie diverse che un tempo crescevano rigogliose. Il risultato è stato che le colline, un tempo aride, sono state trasformate in una lussureggiante vegetazione. La rinascita del microclima tropicale, di conseguenza, ha attirato uccelli e animali scomparsi da decenni dalla zona.’ 

‘La riforestazione è solo uno dei modi per far girare al contrario le lancette del tempo. Anche gli alberi hanno un ruolo speciale nel neutralizzare le emissioni di biossido di carbonio, colpevole del riscaldamento globale e di cambiamenti climatici. Le Nazioni possono agire per controllare le emissioni ma solo gli alberi assorbono naturalmente il biossido di carbonio e producono ossigeno. Con gli alberi piantati possiamo respirare meglio e nutrire speranze per il futuro del nostro pianeta’ S.Salgado

                                                                                                                                                                                                              pic. Gabriele Potente

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.